Condizioni Generali

PREMESSA

Le presenti condizioni generali di vendita vengono applicate da EUROMECC s.r.l. unipersonale (d’ora in poi semplicemente Venditrice) ad ogni contratto che abbia ad oggetto la vendita di macchinari/prodotti da parte di EUROMECC. Eventuali deroghe e/o modifiche di dette condizioni generali di vendita dovranno essere esplicitamente concordate e confermate per iscritto da EUROMECC nella parte denominata «CONDIZIONI PARTICOLARI DI VENDITA» all’interno del documento denominato «COMMESSA», le quali ultime, a questo punto, ove discordanti, prevarranno sulle condizioni generali di vendita.
1) Formazione ed efficacia del contratto. Il presente contratto segue l’iter come in appresso indicato. Il primo documento posto in circolazione da EUROMECC denominato «PREVENTIVO» ha valore di mero atto di trattativa, non vincolante per la ditta Venditrice. Il successivo documento denominato «COMMESSA» ha valore di proposta proveniente dalla ditta Acquirente e vincola solo la stessa per un periodo massimo di giorni 30. Con l’accettazione della «COMMESSA» da parte della ditta Venditrice anche quest’ultima si considera vincolata ed il contratto si intende perfezionato non appena la ditta Acquirente viene a conoscenza dell’avvenuta accettazione. Sia la proposta che l’accettazione, previamente sottoscritte dai legali rappresentanti delle parti contraenti, possono essere portate a conoscenza delle parti stesse anche via Pec. Quando le parti prevedono la dazione di una Caparra Confirmatoria da versare contestualmente alla sottoscrizione del contratto, quest’ultimo si intende efficace a partire dalla ricezione della Caparra stessa, fermo restando che il contratto rimane vincolante tra le parti per il periodo massimo di giorni 30 dalla sottoscrizione della commessa.
2) Oggetto della vendita. 2.1 Il presente contratto si intende riferito unicamente alla merce descritta nelle condizioni particolari di vendita contenute nel documento denominato <>, restando escluso qualsiasi ulteriore bene, attività o servizio non espressamente contemplato nell’ordine. A precisazione esemplificativa di quanto escluso dalla vendita si specifica quanto segue: progettazione esecutiva, calcoli di verifica e realizzazione di opere murarie conformi ai disegni tecnici; piastre metalliche di ancoraggio, attrezzature e bulloni di fondazione (in quanto di pertinenza della carpenteria inerente le opere murarie); protezioni perimetrali di buche e rampe di carico, mezzi di sollevamento adeguati allo scarico e alla messa in opera del macchinario/prodotto, nonché lo scarico dei materiali a piè d'opera; personale ausiliario idoneo a svolgere lavori di montaggio di carpenterie; attrezzatura complementare al montaggio (saldatrice elettrica, gruppo ossiacetilenico, etc.), allacciamenti idrici ed elettrici nei punti necessari; cavo di alimentazione dalla cabina di trasformazione ai quadri di comando e potenza; canalizzazioni interrate ed aeree per il passaggio di linee elettriche ed idriche ai punti di utilizzo indicati; eventuali canalizzazioni per linee elettriche e/o idriche esterne al macchinario/prodotto; impianto elettrico di messa a terra del cantiere, quadro elettrico contenente interruttore differenziale e, se necessario, parafulmine adeguato; oli e lubrificanti; collaudo metrico in opera dei sistemi di pesatura ed eventuali pesi campione il quale dovrà essere effettuato da personale qualificato di zona; calcoli per denuncia al Genio Civile sia per opere in muratura e sia per opere in carpenteria metallica; spese derivanti da modifiche del progetto al piazzamento (dopo l'accettazione dello stesso); prove di laboratorio e/o sui materiali ai fini del rilascio della relativa certificazione, prove in opera sulla strumentazione ai fini del rilascio della certificazione di taratura. Sono altresì espressamente escluse dalla vendita il materiale ed ogni altra risorsa necessaria all’espletamento del collaudo a pieno (inerti, acqua, corrente elettrica….) 2.2 La vendita ha come oggetto, beni le cui caratteristiche di costruzione e tipologia delle materie prime impiegate, funzionalità e durata, procedimenti di controllo e, in generale, ogni elemento connesso alla loro conformazione ed al loro utilizzo, sono state definite dalla ditta Acquirente, la quale dichiara che i beni stessi oggetto della vendita, così come sono richiesti, sono idonei all’uso che essa intende farne. 2.3 In particolare, la ditta Acquirente dichiara: - di aver preventivamente visionato ed accettato tutte le specifiche tecniche particolari del prodotto commissionato; - di aver fatto espressa richiesta del bene avente le caratteristiche costruttive, funzionali e prestazionali descritte; - di aver valutato e ponderato le caratteristiche tecnico/costruttive del bene e di averle riscontrate ed accettate come perfettamente conformi all’uso e/o applicazione al quale egli intende destinare il bene stesso.
3) Montaggio e collaudo. Il servizio di collaudo viene organizzato secondo le seguenti fasi: 3.1 Fase I: collaudo in accettazione. Consiste nel controllo delle forniture esterne al fine di verificare la rispondenza del prodotto finito alle prescrizioni indicate nell’ordine e viene svolto a giudizio insindacabile della ditta Venditrice, la quale, in ogni caso, non potrà mai essere ritenuta responsabile del processo di lavorazione dei prodotti provenienti da ditte esterne. 3.2 Fase II: collaudo al montaggio Si svolge con la ditta Acquirente presso lo stabilimento di quest’ultima. 3.2.1. Assistenza al montaggio. Il montaggio può essere eseguito con l’assistenza della ditta Venditrice. Quando è prevista l’assistenza al montaggio, essa consiste nell’ intervento, durante la fase di assemblaggio, di uno o più operatori – messi a disposizione dalla ditta Venditrice la quale potrà avvalersi anche di ditte terze – a conoscenza delle caratteristiche tecniche del macchinario da fornire. L’intervento di assistenza consiste e si esaurisce nel dare agli altri montatori indicazioni di carattere generale del macchinario/prodotto fornito specificando, in concreto, la sequenza delle operazioni da seguire nell’ assemblaggio. In ogni caso l’intervento della ditta Venditrice è relativo solo ed esclusivamente al macchinario/prodotto fornito da quest’ultima. Le operazioni di montaggio dovranno seguire necessariamente ed esclusivamente le indicazioni date dall’ operatore incaricato dalla ditta Venditrice. Ogni eventuale rifiuto o opposizione da parte della ditta Acquirente, oltre ad escludere qualsivoglia responsabilità della ditta Venditrice – anche solo per ritardo nell’ assemblaggio – farà sorgere il diritto, in capo a quest’ultima, alla sospensione immediata del montaggio, con conseguente facoltà, a spese a carico della ditta Acquirente, di affidarsi a terzi qualificati per la verifica dell’idoneità della sequenza delle operazioni indicate dalla ditta Venditrice e dunque per il prosieguo del montaggio. Qualora, per cause non imputabili alla Venditrice e/o per avverse condizioni meteo (pioggia, neve, ecc.), l’assistenza al montaggio superi i tempi previsti (al massimo 20 giorni lavorativi) la ditta Acquirente dovrà prendere accordi con la Venditrice al fine di quantificare il costo derivante dalle giornate eccedenti il periodo convenuto. 3.2.2. Tipologie di montaggio. Nelle condizioni particolari di vendita viene specificata la tipologia di montaggio scelta dai contraenti tra le seguenti opzioni fermo restando che in tutte le tipologie si intendono a carico della ditta Acquirente l’approntamento del cantiere (fondazioni e opere murarie in calcestruzzo, recinzione perimetrale, linea elettrica ed idrica al quadro comando, impianto di messa a terra, pompa per acqua e quanto necessario per la pronta messa in opera del macchinario), i calcoli per denuncia al Genio Civile, lo smaltimento dei rifiuti prodotti a seguito del montaggio e tutto quant'altro non specificato a carico della ditta Venditrice. In tutte le tipologie di montaggio resta inteso che l`area di installazione dovrà essere sgombra ed agibile in modo tale da non costituire intralcio alcuno per il proseguimento dei lavori con riconoscimento sin d’ora di risarcire la Venditrice per gli eventuali costi sostenuti da quest’ultima per lo sgombero. A. Montaggio a carico della ditta Acquirente: questa tipologia prevede ogni onere a carico della ditta Acquirente e precisamente i mezzi di sollevamento, le attrezzature di cantiere, gru, manovalanza e tutto quanto altro necessario. Ove nelle condizioni particolari di vendita è previsto il montaggio a carico della ditta Acquirente, decorso il termine di giorni 30 dalla consegna – fatto salvo ogni altro o diverso termine previsto nelle condizioni particolari di vendita - senza che la ditta Acquirente espleti le dette operazioni, il collaudo si intenderà, per espressa convenzione tra le parti, come avvenuto positivamente e quindi spiegherà gli effetti descritti alla Fase III. B. Montaggio totalmente a carico della ditta Venditrice: questa tipologia prevede ogni onere a carico della ditta Venditrice e precisamente i mezzi di sollevamento, le attrezzature di cantiere, gru, manovalanza in aiuto, vitto, alloggio e spese di trasporto dei tecnici della Venditrice, mentre il piano di sicurezza dei montaggi va integrato con il piano di sicurezza del cantiere emesso dall’ Acquirente. C. Montaggio a carico della ditta Venditrice senza mezzi d’opera e senza manovalanza: questa tipologia prevede a carico dell’Acquirente i mezzi di sollevamento, le attrezzature di cantiere, gru ed ogni altro mezzo d’opera occorrente e manovalanza, mentre a carico della Venditrice vitto, alloggio e spese di trasporto dei tecnici. In mancanza di mezzi di sollevamento idonei il montaggio verrà automaticamente sospeso. D. Montaggio a carico della ditta Venditrice senza mezzi d’opera e con manovalanza: questa tipologia prevede a carico dell’Acquirente i mezzi di sollevamento, le attrezzature di cantiere, gru ed ogni altro mezzo d’opera occorrente, mentre a carico della Venditrice manovalanza in aiuto, vitto, alloggio e spese di trasporto dei tecnici. In mancanza di mezzi di sollevamento idonei il montaggio verrà automaticamente sospeso. E. Assistenza al montaggio con Tecnico specializzato della Venditrice: questa tipologia consiste nell’ intervento, dopo che si è conclusa la fase di assemblaggio, di uno o più operatori – messi a disposizione dalla Venditrice la quale potrà avvalersi anche di ditte terze – a conoscenza delle caratteristiche tecniche del macchinario fornito e si esaurisce nel verificare che i montatori abbiano seguito le indicazioni di carattere generale del macchinario/prodotto fornito e la sequenza delle operazioni di assemblaggio. 3.3 Fase III: collaudo finale. Si svolge con la ditta Acquirente presso lo stabilimento di quest’ultima. L’azione di collaudo, una volta completata, dà origine alle seguenti situazioni: • il macchinario/prodotto viene definitivamente accettato dal cliente; • inizia a decorrere il periodo contrattuale di garanzia; • il fornitore può considerare conclusa la sua vendita. L’operazione di collaudo finale con la ditta Acquirente riguarda due distinte attività di controllo e verifica, rispetto alle quali valgono le seguenti condizioni. 3.3.A Collaudo fondazioni. Il collaudo delle fondazioni, dal punto di vista strutturale (es. in termini di studio e verifica geotecnica del suolo, di studio e relativo calcolo delle fondazioni, di studio e verifica della qualità dei materiali impiegati, di studio e verifica della deformazioni sotto carico, di studio e verifica di ancoraggio del macchinario/prodotto alla fondazione ed altri studi e verifiche connesse) si svolge unicamente sotto la responsabilità della ditta Acquirente, la quale, pertanto, si fa carico di garantire la conformità alle prescrizioni di legge nonché alle regole della tecnica e dunque assume ogni responsabilità derivante dalla mancata osservanza. E’ esclusa in ogni caso la responsabilità della ditta Venditrice per tutto quanto riguarda il profilo delle fondazioni. 3.3.B Collaudo macchinario/prodotto. Esso ha luogo previa autorizzazione scritta – da comunicarsi anche via mail – della ditta Acquirente che abbia ultimato le operazioni di collaudo delle fondazioni. La mancata comunicazione dell’autorizzazione all’operazione di collaudo del macchinario/prodotto o il ritardo protratto per oltre dieci giorni dalla consegna del macchinario/prodotto stesso senza giustificato motivo determina l’estinzione dell’obbligo di collaudo da parte della ditta Venditrice e l’operazione di collaudo del macchinario/prodotto si intende, per espressa previsione delle parti, come positivamente avvenuta. Lo svolgimento dell’operazione di collaudo del macchinario/prodotto segue le regole della tecnica tipica degli usi commerciali di riferimento. Le parti espressamente convengono sin d’ora che nell’eventualità che non si possa procedere all’operazione di “collaudo a pieno” del macchinario/prodotto per cause imputabili alla ditta Acquirente (quali esemplificativamente anche la mancata vendita dei materiali e delle risorse necessarie) si applicheranno automaticamente gli effetti descritti al superiore punto 3.3. riconoscendo pertanto al collaudo a vuoto lo stesso valore del collaudo a pieno non eseguito. 4) Termine di consegna. 4.1 La consegna della vendita avviene secondo le formalità indicate di seguito, fatta salva ogni altra condizione contraria prevista nelle condizioni particolari di vendita. Fase I: la ditta Venditrice provvede ad inviare alla ditta Acquirente, via e-mail, i disegni relativi alle opere murarie nei successivi quindici giorni dalla ricezione della caparra confirmatoria ovvero della lettera di credito o dell’ordine di leasing convenuta nella condizioni particolari di vendita –fatto salvo ogni altro o diverso termine previsto nelle condizioni particolari di vendita- . Fase II: la ditta Acquirente dovrà provvedere alla sottoscrizione dei disegni relativi alle opere murarie nonché al rinvio degli stessi, via e-mail, alla ditta Venditrice entro i successivi tre giorni lavorativi –fatto salvo ogni altro o diverso termine previsto nelle condizioni particolari di vendita- . Fase III: il termine di consegna inizierà a decorrere trenta giorni lavorativi successivi alla Fase II, fermo restando l’avvenuta ricezione della caparra confirmatoria ovvero della lettera di credito o dell’ordine di leasing convenuta nella condizioni particolari di vendita. L’eventuale ritardo delle attività descritte alla Fase II comporta l’automatica proroga del termine di consegna come indicato alla Fase III. 4.2 L’organizzazione della consegna viene stabilita in collaborazione tra le parti. A questo fine la ditta Venditrice comunicherà alla ditta Acquirente, a mezzo Raccomandata/Pec, almeno sette giorni prima dell’inizio del termine di consegna, che la vendita è già pronta restando in attesa delle relative istruzioni che dovranno pervenire alla ditta Venditrice, a mezzo Raccomandata/Pec, entro i tre giorni precedenti l’inizio della consegna. Il ritardo da parte della ditta Acquirente nell’indicazione delle modalità di consegna oltre il termine quivi convenuto darà luogo a quanto previsto al successivo punto 5). 4.3 Il termine di consegna deve intendersi indicativo, essendo sin d’ora espressamente concessa una tolleranza di 30 giorni lavorativi. Il ricorrere di ogni eventuale impedimento non imputabile alla ditta Venditrice, compresi caso fortuito, forza maggiore, incendi, scioperi, alluvioni e similari comporta automaticamente il differimento o la proroga del termine di consegna per il tempo strettamente necessario al superamento dell’impedimento stesso. 4.4 Il verificarsi di un evento di Forza Maggiore darà alla parte interessata (e all'altra Parte per quanto riguarda gli obblighi corrispondenti) il diritto di differimento dei termini di cui al presente Contratto a condizione che la comunicazione circa il verificarsi di tale circostanza sia data da uno Parte all'altra entro 14 (quattordici) giorni di calendario dalla data di insorgenza della Forza maggiore. In tal caso, la parte non colpita dalla forza maggiore non avrà né il diritto di risolvere il presente Contratto, né il diritto di rivendicare danni rispetto a tale mancato adempimento. L’adempimento verrà ripreso non appena possibile dopo che la Forza Maggiore sia finita o cessata. In tali circostanze tutte le scadenze contrattuali di consegna devono essere estese per un periodo pari a quello di durata dell’evento di forza maggiore, più un ulteriore periodo, se del caso, come può essere considerato ragionevole dalla parte colpita secondo la sua esclusiva discrezionalità. Nel caso in cui l'evento di forza maggiore si protragga per più di 180 giorni naturali e consecutivi, le parti avvieranno un dialogo teso ad una rinegoziazione delle condizioni contrattuali che tenga conto dell’interesse di entrambe le parti. Decorsi ulteriori 180 giorni naturali e consecutivi dall’inizio della trattativa di rinegoziazione, se la stessa non avrà dato esito positivo, la parte non colpita dall’evento avrà diritto di risolvere il presente Contratto, in tutto o in parte, rimanendo escluso il diritto al risarcimento del danno. 4.5 Le parti espressamente convengono che, preso atto del fatto che, al momento della sottoscrizione del presente contratto, è in atto una pandemia mondiale (Covid19) la quale ha causato non soltanto una gravissima emergenza sanitaria in moltissimi paesi, ma anche e soprattutto l’adozione, ad opera dei diversi governi nazionali, di misure fortemente restrittive di ogni attività di natura personale, commerciale e produttiva, tutti i termini e le scadenze di cui al presente contratto, con speciale riferimento ai termini di consegna, montaggio e collaudo dell’impianto, sono considerati non tassativi e pertanto è ammesso il differimento degli stessi laddove ciò sia reso necessario dalle limitazioni imposte a causa dall’emergenza in corso, tra le quali a titolo esemplificativo e non esaustivo impossibilità di produzione per chiusura forzata dell’attività produttiva, impossibilità di reperire mezzi di trasporto, impossibilità di reperire materie prime, impossibilità di disporre del personale necessario al montaggio e/o al collaudo dell’impianto etc. Al verificarsi di dell’ipotesi di cui al paragrafo precedente si applicheranno le conseguenze previste per il caso di forza maggiore. 4.6 La ditta Acquirente riconosce espressamente sin d’ora che la mancata collaborazione alla consegna “come sopra organizzata” senza giustificato motivo costituisce inadempimento di non scarsa importanza ai sensi dell’art. 1455 c.c. 4.7 Al fine del presente contratto, per «giorno lavorativo» si intende qualsiasi giorno che vada dal lunedì al venerdì, eccetto dunque il sabato, la domenica, i giorni festivi legali vigenti in Italia e gli altri giorni festivi determinati della Comunità europea prima dell'inizio dell'anno e/o in corso dell’anno vigente. Altresì sono da ritenersi escluse dalla definizione di giorno lavorativo le chiusure aziendali nei mesi di agosto (pari a due settimane), dicembre/gennaio (pari a due settimane). 5) Contratto di magazzinaggio. Le parti espressamente concordano sin d’ora la stipula automatica di un contratto di magazzinaggio in caso di mancata collaborazione da parte della ditta Acquirente all’esecuzione della consegna della vendita. Gli effetti di tale contratto si produrranno precisamente decorsi quindici giorni dall’atto di messa in mora ad opera della ditta Venditrice. Il contratto di magazzinaggio comprende le spese di giacenza e di custodia della vendita per un corrispettivo giornaliero di 0,50 Euro per giorno per metro quadro e per un periodo massimo di giorni 60. Alla scadenza naturale del contratto di magazzinaggio la ditta Acquirente concede sin d’ora alla ditta Venditrice la facoltà di scelta se rinnovare il contratto stesso alle medesime condizioni ovvero darne disdetta da manifestare per iscritto almeno dieci giorni prima onde evitarne il rinnovo. 6) Sospensione o risoluzione del contratto. La ditta Venditrice avrà facoltà di sospendere, con effetto immediato, il presente contratto, mediante semplice comunicazione scritta di messa in mora finalizzata alla risoluzione contrattuale, qualora la ditta Acquirente non adempia regolarmente e integralmente ai propri obblighi di pagamento del prezzo (compreso il versamento della caparra o la presentazione di idonee garanzie di pagamento). La ditta Venditrice potrà risolvere con efficacia immediata il presente contratto, mediante semplice comunicazione scritta, nel caso in cui la ditta Acquirente sia sottoposta a procedura concorsuale, ovvero mutino sostanzialmente le sue condizioni patrimoniali in modo da porre in evidente rischio e pericolo il conseguimento della controprestazione (a titolo esemplificativo: soggezione a pignoramenti per importi rilevanti, stato di insolvenza, elevazione di protesti a suo carico, ecc.). In ipotesi di risoluzione del contratto la ditta Acquirente autorizza sin d’ora la ditta Venditrice a disporre del macchinario/prodotto per la cessione a terzi, o per qualunque altro utilizzo, e fatta salva la richiesta di risarcimento per il maggior danno. 7) Garanzia. 7.1. Nei termini previsti dal presente articolo - fatta salva ogni altra condizione contraria prevista nelle condizioni particolari di vendita - la ditta Venditrice si impegna a consegnare macchinari/prodotti conformi a quanto pattuito ed esenti da vizi tali da renderli non idonei all’uso al quale sono abitualmente destinati. 7.2. La ditta Venditrice riconosce alla ditta Acquirente unicamente una garanzia per vizi del macchinario/prodotto avente la durata di 12 mesi decorrenti dalla data di consegna/collaudo in dipendenza a quanto stabilito al superiore punto 3). La durata della garanzia non potrà comunque prolungarsi oltre i 15 mesi dalla data di consegna del macchinario. La garanzia consisterà esclusivamente, a scelta della ditta Venditrice, nella riparazione o sostituzione, a cura e spese della ditta Venditrice nei limiti di cui al punto 7.3, delle parti strutturali e delle altre componenti del macchinario/prodotto che risultino guaste o non conformi per vizi di origine. Restano escluse dalla garanzia ed a carico della ditta Acquirente le spese relative alle ore di viaggio, di trasporto, di trasferta ed le altre comunque connesse con le riparazioni e/o sostituzioni predette. La ditta Venditrice provvederà alla sostituzione o alla riparazione delle parti difettose nel più breve tempo possibile, da stabilire di volta per volta tra le parti, e avrà facoltà di richiedere alla ditta Acquirente la pronta restituzione dei pezzi sostituiti. 7.3. La ditta Venditrice non risponde dei vizi di parti elettriche ed elettroniche, tubi di gomma, manomissioni o rimozioni dei sigilli, del conta-ore nonché dei vizi dovuti all’usura normale di quelle parti che per loro natura sono soggette ad usura rapida e continua (ad es.: guarnizioni, cinghie, fusibili ecc.). La ditta Venditrice, parimenti non risponde dei difetti di conformità e dei vizi causati dalla non osservanza delle regole della tecnica e comunque da un cattivo uso o trattamento del macchinario/prodotto, nonché dei vizi derivanti da cattiva manutenzione o sovraccarico del macchinario/prodotto stesso specificando che per sovraccarico deve intendersi anche l’utilizzo superiore alle 10 ore giornaliere. La garanzia è analogamente esclusa per i difetti di conformità ed i vizi che dipendono da negligenza nell’uso del macchinario/prodotto da parte della ditta Acquirente, ovvero ancora dall’avere essa eseguito modifiche, riparazioni, alterazioni o sostituzioni senza il preventivo consenso scritto della ditta Venditrice nonché nel caso di utilizzo da parte della ditta Acquirente di parti di ricambio e/o accessori non originali o non approvati preventivamente per iscritto dalla ditta Venditrice. Ove nelle condizioni particolari di vendita le operazioni di montaggio sono previste a carico della ditta Venditrice la garanzia si considererà altresì decaduta se il macchinario consegnato è stato danneggiato ancor prima del montaggio a causa di cattiva conservazione o non adeguato immagazzinaggio. Nel caso in cui le operazioni di montaggio sono previste a carico della ditta Acquirente ogni garanzia si intende limitata a quanto previsto al punto 7.2. 7.4. La garanzia è subordinata, a pena di decadenza, alla denunzia del vizio, comunicata in forma scritta dalla ditta Acquirente alla ditta Venditrice, entro 8 giorni dal momento della scoperta, nonché all’espressa richiesta di intervento in garanzia. 8) Assistenza tecnica. 8.1. Nel caso in cui, durante l’esecuzione di un intervento tecnico richiesto in garanzia, si accertasse che il vizio non è coperto dalla superiore garanzia, il relativo costo verrà fatturato in aggiunta al corrispettivo del presente contratto. La riparazione richiesta dovrà essere preceduta dall’accettazione scritta da parte della ditta Acquirente del preventivo di spesa. In caso di rifiuto di accettazione del preventivo la ditta Venditrice dovrà essere comunque rimborsata delle spese sostenute per l’accertamento del vizio risultato esente da garanzia, quali esemplificativamente ore di lavoro, di trasporto, di trasferta ed ogni altra connessa. 8.2. La ditta Venditrice si riserva il diritto di non procedere all’esecuzione dell’intervento tecnico qualora, a suo insindacabile giudizio, ritenesse che le condizioni del luogo di lavoro, lo stato del macchinario/prodotto, le informazioni ed istruzioni disponibili non siano idonee a garantire che l’intervento tecnico possa essere svolto in condizioni di sicurezza. 8.3. I tempi di esecuzione dell’intervento tecnico devono intendersi indicativi. In ogni caso, saranno a carico della ditta Acquirente gli eventuali maggiori costi del servizio che siano conseguenza di ritardi o sospensioni a lei imputabili, o comunque derivanti dalla particolare complessità dell’intervento e/o, in ogni caso, non compiutamente preventivabili all’atto dell’accettazione del preventivo. 8.4. Al termine dell’intervento tecnico verrà sottoposta alla ditta Acquirente, per l’approvazione scritta, una Scheda Tecnica per la verifica ed accettazione dei lavori oggetto dell’intervento; nel caso in cui la ditta Acquirente si rifiutasse di sottoscrivere la Scheda di Intervento, la stessa verrà consegnata o spedita ed essa si intenderà tacitamente approvata qualora non pervenissero contestazioni e/o riserve da parte della ditta Acquirente, da formalizzarsi per iscritto, entro cinque giorni dalla consegna o ricezione della Scheda di Intervento medesima. 9) Manutenzione e sicurezza. La ditta Acquirente si obbliga a garantire la perfetta funzionalità del macchinario/prodotto a partire dalla data di collaudo mediante l’opera di manutenzione, ai sensi delle disposizioni contenute nel D. Lgs. n. 81 del 2008, sia ordinaria che straordinaria con carattere di continuità, costanza e specificità onde assicurare che ogni parte del macchinario/prodotto conservi sempre il grado di pulizia originario e l’ideale idoneità all’uso a cui è destinato. La ditta Venditrice, fermo restando l’obbligo per la ditta Acquirente di attenersi alle prescrizione contenute nel manuale d’uso e manutenzione compreso nella vendita, esemplificativamente individua le attività di manutenzione necessarie come da elencazione che segue: pulizia filtri, sostituzione olii, serraggio periodico della bulloneria, ingrassaggio periodico ove previsto, ripristino verniciatura, controllo dispositivi di sicurezza. La ditta Venditrice è espressamente esonerata da ogni responsabilità di eventuali danni che possano derivare a persone e/o cose dall’inosservanza dell’obbligo di manutenzione del macchinario/prodotto come sopra illustrato. 10) Migliorie tecniche. La ditta Venditrice si riserva il diritto, senza alcun obbligo di preavviso alla ditta Acquirente, di apportare qualsiasi modifica, di ordine tecnico e/o estetico, che si rendesse necessaria per favorire il miglior e più sicuro funzionamento del macchinario/prodotto ordinato dalla ditta Acquirente. 11) Informazioni sulle caratteristiche tecniche. Le informazioni tecniche relative alle caratteristiche del macchinario/prodotto fornite alla ditta Acquirente, quali esemplificativamente pesi, misure, capacità e rendimento devono intendersi sempre come indicative e non tassative e comunque soggette alla tolleranza d’uso. 12) Obbligo di riservatezza. La ditta Acquirente è tenuta a mantenere riservate tutte le notizie di carattere tecnico (esemplificativamente: disegni, prospetti tecnici, documentazione, formule e corrispondenza in generale) ricevute dalla ditta Venditrice e comunque apprese in esecuzione del contratto. Ogni diritto di proprietà industriale od intellettuale relativo ai macchinari venduti rimarrà di esclusiva titolarità della ditta Venditrice. 13) Ritardo nei pagamenti. In caso di ritardo nei pagamenti rispetto alle date stabilite nelle condizioni particolari di vendita, la ditta Acquirente sarà costituita automaticamente in mora e la ditta Venditrice avrà diritto di addebitare alla ditta Acquirente interessi di mora al tasso previsto dal D. Lgs. n. 231 del 2002. 14) Foro competente. Per qualsiasi controversia che dovesse derivare dall’interpretazione, applicazione, esecuzione del presente contratto, le parti convengono espressamente ed in via esclusiva la competenza del Foro di Catania. 15) Trattamento dei dati personali. Ai sensi del D. Lgs. n. 196 del 2003 la ditta Venditrice garantisce la riservatezza dei dati che saranno trattati con mezzi cartacei ed informatizzati. Gli interessati potranno esercitare i loro diritti ai sensi dell’art. 7 del D. Lgs. citato. Titolare del trattamento dei dati è Euromecc s.r.l. unipersonale. La ditta Acquirente, con la sottoscrizione del presente contratto, presta il consenso al trattamento dei dati personali sovra indicati da parte della ditta Venditrice nel rispetto della normativa di cui all’art. 23 del D. Lgs. n. 196 del 2003.